Spagna

Con la maggior superficie coltivata a vite del mondo la Spagna è uno dei paesi che ha fatto la storia ed il successo del vino Europeo a livello globale. Qui si coltivano uve autoctone, il fenomeno delle cosiddette uve internazionali non ha mai avuto particolari consensi, la varietà più rappresentativa è il Tempranillo, qualità a bacca rossa con la quale si producono gli imponenti e generosi vini rossi della Rioja. L’Albariño spicca tra le varietà a bacca bianca, uve che danno vita a vini bianchi dagli ottimi aromi. L’enologia Spagnola è fortemente legata alle sue tradizioni, come l’affinamento dei vini in botte per lunghissimi periodi, anche se in tempi recenti ha intrapreso un percorso di cambiamenti che hanno introdotto pratiche più moderne per offrire al mercato anche vini più freschi e fruttati.

Rueda

Storica area dedita alla produzione del verdejo, vitigno a bacca bianca, che fino alla metà degli anni ottanta era rimasto nell’oblio è ad oggi una delle regioni iberiche reputate per la produzione dei vini bianchi. Questo vitigno che da giovane si fa apprezzare per la sua freschezza e facilità di beva con il tempo, se affinato in legno, da risultati straordinari per l’equilibrio e la mineralità che esprime. Nella stessa area si producono vini rossi da uve tempranillo ed in parte da cabernet-sauvignon che sono venduti come Castilla y Leon e non con la denominazione Rueda rosso.