Piemonte

Una regione di grandi vini rossi, nelle zone collinari, grazie a terreni calcarei e arenari ideali per uve a bacca rossa che ben si adattano all’invecchiamento, si coltivano i nobili vitigni piemontesi, celebri in tutto il mondo e simbolo del Made in Italy, ma anche famosi vitigni bianchi nelle zone di Alba e Asti, ma soprattutto nel Roero. Luoghi unici come Langhe, Roero e Monferrato, di recente inseriti nella World Heritage List dell’Unesco, parte del patrimonio artistico e ambientale dell’umanità, dove nascono e sono prodotti i più riconosciuti vini d’Italia.

Barolo

Qui nasce il più grande dei “grandi vini rossi”. Nel cuore delle Langhe, in un’area che comprende Barolo e pochi comuni limitrofi, crescono i vitigni del Nebbiolo destinati alla produzione del Barolo, da tempo autorevole portavoce del Made in Italy.


Langhe

Si estende lungo la sponda destra del fiume Tanaro, in provincia di Cuneo. Territorio collinoso molto affascinante dove il vitigno Nebbiolo trova la sua massima espressione. Il terreno è principalmente di tipo calcareo bianco e di tipo morenico e di natura subacida nella bassa langa. Il clima è prevalentemente secco e questo è la garanzia di maggiore concentrazione zuccherina nell’acino con una conseguente produzione di altissima qualità.


Piemonte



Roero

Un territorio che si estende tra colline ben esposte e vista sul Tanaro, il fiume che separa questa fetta di terra dalle vicine Langhe. In un’area circoscritta in 19 comuni della zona d’Alba si producono i vini del Roero di origine controllata e garantita.