Spatburgunder RS Oberrotweil

100% Pinot Nero (Spätburgunder), clone a bacca piccola

Zona di Produzione: Blend di vigneti di tre VDP classificate: Grosse Lage Henkenberg, Eichberg e Kirchberg del villaggio di Oberrotweil
Terreno: Terreni vulcanici
Vendemmia: 100% raccolta manuale selezionata
Vinificazione: Dopo una meticolosa cernita delle uve, il mosto viene sottoposto a un processo di fermentazione in tini aperti con i suoi lieviti naturali a temperature comprese tra i 25 e i 33º C. Durante questo processo i tannini e il colore vengono rilasciati dalle bucce attraverso frequenti rimontaggi. I vini fermentano solitamente per 14 giorni. Una volta terminata la fermentazione, vengono pressati e travasati in botti di rovere, nuove per il 20% e usate per l'80%. Il legno per queste botti proviene da alberi di proprietà nel Kaiserstuhl e viene spedito a tonnellerie selezionate in Borgogna per la lavorazione
Affinamento: Dopo un affinamento in rovere per 12 mesi, il vino viene imbottigliato senza filtrazione. Per questo motivo è possibile che si verifichi una certa torbidità, che tuttavia aumenta la complessità e il potenziale di invecchiamento del vino
Colore: Rosso scuro
Sapore: Tannini ben presenti, di qualità elevata. Succoso con sensazioni vellutate
Formato: 0,75 lt
Grado Alcolico: 13,5 % Vol

Proprietà / Fondatori
Konrad & Stephanie Salwey
Inizio Attività 1920
Vitivinicultura Biologica in conversione
Ettari 25
Bottiglie prodotte 130.000
Indirizzo Vogtsburg/Baden – Germania
www.salwey.de

Salwey

Baden - Germania

Situata nella zona di Kaiserstuhl, nel Baden, la regione più soleggiata e meridionale della Germania Salwey si trova in cima a un vulcano spento. Le eruzioni e le faglie originatesi conferiscono ai 25 ettari della tenuta una topografia unica, e le innumerevoli varietà di lava, magma e rocce vulcaniche creano una mineralizzazione del suolo e una composizione del terroir uniche. Il principale protagonista è il loess, o sabbia polvere del deserto, che potrebbe essere stato trasportato dal vento dall’Africa e depositato a Kaiserstuhl migliaia di anni fa. Questo sedimento unico e fertile contribuisce notevolmente alla ricca viticoltura della regione. L’area gode di un clima mediterraneo, con abbondanti precipitazioni, venti favorevoli e circa 1.800 ore di sole annue, cosa rara per la maggior parte delle regioni tedesche. Sebbene le radici enoiche della famiglia risalgono al XVIII secolo, Salwey è un’azienda vinicola da tre generazioni ed è guidata da Konrad, il quale lavora mantenendo l’equilibrio tra tradizione e innovazione: solo vini secchi, tutti certificati bio dal 2021, e grande attenzione sui “single vineyard”. Si dedica ai classici vitigni del Kaiserstuhl quali Pinot bianco, Pinot grigio e Pinot nero con uno stile sempre chiaro e diretto, facendo parlare i terroir: Konrad, infatti, crede nella necessità di lasciare alla natura il tempo e lo spazio per plasmare il prodotto finale. Utilizzo dei soli lieviti naturali all’evitare la filtrazione e la chiarifica grande attenzione a tutti i passaggi fanno di Salwey un assoluto riferimento del Baden.